Archivi tag: Bilancio

BILANCIO 2019-21: UNA MANOVRA DI SINISTRA CHE RAFFORZA IL WELFARE E STIMOLA L’ECONOMIA

«Questa è una manovra di sinistra, che rafforza il sistema di welfare e contemporaneamente stimola l’economia – dichiara Caliandro –. Si tratta di un bilancio in crescita che dimostra come la nostra Regione sia aperta, solidale e abbia il coraggio di investire. L’Emilia-Romagna conferma di essere all’avanguardia ed esempio di equilibrio per il Paese di fronte ad un Governo che traduce le proprie promesse in incertezze per i territori. Con questo bilancio realizziamo misure per le nostre famiglie e le nostre imprese, con un’attenzione particolare per chi ha più bisogno, consolidando servizi fondamentali come la sanità, senza fare deficit. C’è chi strumentalmente la definisce una manovra elettorale ma è evidente che in modo miope non si riconosce come questa regione ad ormai quattro anni sia prima per crescita, export e occupazione e abbia il coraggio di continuare ad investire in progetti, infrastrutture e manutenzione del territorio. Siamo consapevoli che c’è ancora tanto su cui lavorare e siamo pronti a rimboccarci le maniche per migliorarci ogni giorno. Siamo stati i primi ad introdurre misure concrete come il reddito di solidarietà o l’abolizione del superticket, amministrando in modo serio, rigoroso e responsabile, assumendoci in pieno la responsabilità delle scelte fatte. Per questo ci preoccupa l’insicurezza che il Governo sta creando nel Paese, perché non vediamo la stessa volontà di crescita e sviluppo ma bensì un modus operandi che critica, taglia e smonta sulla pelle dei cittadini».

APPROVATO IL BILANCIO 2016. L’EMILIA-ROMAGNA RIPARTE E METTE AL PRIMO POSTO LE PERSONE.

 

BILANCIO-2016

I dati presentati da Unioncamere dicono che nel 2015 siamo tra le regioni che crescono di più, con un tasso più alto rispetto alla media italiana. Con questo bilancio 2016 diamo quindi una importante spinta a un’Emilia-Romagna che sta ripartendo.

Ci concentriamo su 3 fronti: le persone al primo posto, sostegno al lavoro e rilancio delle infrastrutture e della cura del territorio, il tutto senza aumentare le tasse e riducendo i costi di funzionamento dell’ente.

Voglio ricordare in particolare l’avvio del reddito di solidarietà che rappresenta un segnale forte di attenzione agli ultimi, un segnale che credo possa caratterizzare il nostro mandato.

Investiamo poi centinaia di milioni di euro per scuole nuove e più sicure, per la difesa del suolo, contro il dissesto del territorio e per la mobilità sostenibile.

Infine il sostegno al lavoro – dicevo – che passa anche dalla scelta strategica di cofinanziare i fondi europei, un elemento fondamentale per ripartire visto che storicamente l’Italia è stata invece spesso incapace di spenderli.

Si è trattato di un lavoro importante da parte di tutta l’Assemblea, che purtroppo ancora una volta non ha visto un reale contributo da parte del Movimento 5 stelle, che al netto delle critiche non ha avanzato proposte significative.

Da parte sua il gruppo Pd ha dato un apporto concreto con un pacchetto di emendamenti che prevede: l’esenzione della tassa automobilistica per le auto ibride, l’aumento di 3 milioni al fondo per la montagna, la lotta al gioco d’azzardo (con il sostegno agli esercenti che dismettono le slot) e fondi per la sicurezza urbana

Ordine del giorno sul reddito minimo collegato al bilancio di previsione 2015 e pluriennale 2015-2017

Ordine del giorno n. 4 collegato all’oggetto 351 “Progetto di legge d’iniziativa della Giunta recante: “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2015 e bilancio pluriennale 2015-2017″”.

A firma dei Consiglieri: Taruffi, Caliandro, Torri, Alleva, Francesca Marchetti, Mori, Sabattini, Zappaterra, Prodi, Poli, Calvano, Mumolo

ORDINE DEL GIORNO

L’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna

Considerato che

zoloft pills online generic vs real zoloft buy Sertraline

gli effetti della crisi economica che si protrae da ormai 8 anni, secondo gli ultimi dati forniti dall’Istat hanno fatto aumentare il numero di persone che vivono al limite o al di sotto della soglia di povertà, in modo vertiginoso.

Il Parlamento europeo, con una risoluzione approvata già nel luglio 2011, chiede a tutti gli Stati dell’U.E. di rafforzare il reddito minino in tutti gli Stati membri ed in particolare riferimento agli Stati ancora sprovvisti, (tra cui l’Italia), di adottarlo al più presto.

In Paesi come Francia, Germania e Regno Unito, lo Stato garantisce un reddito minimo garantito a chiunque non abbia altra forma di reddito o abbia un salario insufficiente.

In attesa della definizione di una legislazione nazionale in materia, è necessario che la Regione, per quanto di sua competenza, introduca provvedimenti legislativi in materia in grado quanto meno di evitare l’acuirsi degli effetti di una crisi che da economica si sta trasformando in crisi sociale.

A fronte di una situazione ormai al collasso, che vede coinvolta anche la nostra Regione, con un numero di disoccupati pari a 185 mila persone e una percentuale dell’8,4%, il potenziamento degli strumenti esistenti di contrasto alla povertà e sostegno al reddito (reddito minimo), attraverso una legge regionale che definisca criteri e platea del provvedimento.

with our medication price list, customers can discreetly purchase baclofen 10 mg generic lioresal for the lowest prices from the comfort and privacy of their own 

Preso atto che

in Parlamento sono depositate diverse proposte di legge in materia in attesa di discussione.

Importanti realtà del mondo associativo si stanno mobilitando perché anche in Italia sia garantito un “reddito minimo di dignità”.

Il dibattito sull’introduzione del reddito minimo garantito, almeno per le fasce sociali più esposte agli effetti della crisi, è ormai tema di discussione generale tanto che, recentemente, anche il Presidente dell’Inps ha avanzato una proposta in tal senso, riconoscendo la necessità del provvedimento.

order baclofen 20mg ( generic equivalent to lioresal) online, including baclofen 20mg ( generic equivalent to lioresal) , from the largest canadian pharmacy  Valutato che

l’attenzione al tema del lavoro e dello sviluppo è prioritaria in Regione Emilia-Romagna, dalla crisi si esce solo con il lavoro e solo garantendo il diritto delle persone di partecipare attivamente alla crescita della comunità.

È stato avviato in Regione il percorso per la definizione del nuovo “Patto per il lavoro”, articolato sui temi dello sviluppo e della coesione sociale, con le organizzazioni imprenditoriali e sindacali, i rappresentanti delle istituzioni, del mondo bancario, delle Università e dell’associazionismo.

best prices for all customers! prednisone sale . fastest shipping, prednisone online buy.

Si tratta di un Patto di legislatura, teso a condividere visione, obiettivi e linee di azione capaci di ripensare la società regionale dopo la lunga crisi, mettendo le persone al centro, rilanciando e ampliando il sistema economico e produttivo attraverso una nuova politica per gli investimenti e di rinnovamento dell’assetto istituzionale.

Per creare nuovo lavoro occorrono investimenti pubblici e la Regione ha già destinato 40 milioni di euro del Fondo Sociale Europeo all’inclusione sociale e alle politiche attive del lavoro, insieme a tutte le politiche per l’occupazione previste nei primi cento giorni di governo.

Allo scopo di promuovere investimenti privati strategici per lo sviluppo e per l’occupazione, la Regione investirà la maggior parte delle risorse europee del nuovo Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr), 481,9 milioni tra il 2014 e il 2020 in ricerca e innovazione, competitività e attrattività, economia verde e fonti rinnovabili.

Tutto ciò considerato e premesso

impegna la Giunta

a potenziare dal prossimo bilancio di previsione gli strumenti esistenti di contrasto alla povertà anche con appositi ed innovativi interventi di sostegno al reddito, promuovendo la sperimentazione di forme di reddito minimo garantito;

a stimolare il Governo nazionale nella predisposizione di una normativa nazionale in materia di reddito minimo garantito.

buy cheap prednisone online without prescription without prescription ; can you buy prednisone in spain – prednisone overnight delivery prednisone delivery 

Impegna l’Assemblea legislativa

ad approvare una apposita Legge regionale, che promuova una sperimentazione del reddito minimo in Emilia-Romagna.

Approvato a maggioranza dei presenti nella seduta pomeridiana del 28 aprile 2015

Approvato il rendiconto 2014: “Una regione con i conti a posto”

L’Assemblea legislativa regionale, concludendo l’iter iniziato nei primo mesi del 2015, ha approvato il rendiconto generale della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2014, con il  prednisone cost comparison buy prednisolone eye drops order prednisone voto a favore di Pd e Sel, contrari Ln, M5s e Fdi.

“In continuità rispetto agli anni precedenti, nel 2014- ha sottolineato il relatore di maggioranza, Roberto Poli (Pd) – si è proceduto a una accurata revisione e razionalizzazione delle spese di funzionamento, al fine di liberare risorse per gli interventi operativi di settore, in particolare in ambito sociosanitario (180 milioni in più all’anno verranno destinati al sistema sanitario, ridotti anche i tempi di attesa per gli esami diagnostici), per la difesa del territorio e per il sostegno alle imprese”. Le risorse messe a disposizione – 1,362 miliardi di euro, con un aumento di circa il 7,27% sulle previsioni iniziali – sono derivate principalmente “da maggiori entrate costituite in primo luogo dal recupero dell’evasione fiscale su Irap e tassa automobilistica, 91 milioni contro i 73 previsti, che hanno consentito di ampliare, per 18 milioni, i margini del patto di stabilità regionale, e dal recupero coattivo dei tributi regionali, pari a 58 milioni (+23 milioni rispetto alle previsioni)”. Poli ha ribadito che “la scelta di non incrementare il debito, evitando la contrazione di nuovi mutui, ha determinato un conseguente minore indebitamento dell’Ente e questo ha consentito di evitare interventi sulla leva fiscale”. L’elemento caratterizzante dell’esercizio di bilancio, ha concluso il relatore, “è il rispetto degli obiettivi del Patto di stabilità 2014, tanto che anche la sezione regionale della Corte dei conti ha espresso un giudizio complessivamente positivo sul rendiconto”.

“Siamo orgogliosi di un bilancio certificato dalla Corte dei Conti che non aumenta le tasse grazie anche al consistente recupero di risorse dalla lotta all’evasione fiscale maggiori rispetto alle previsioni. Un bilancio che preserva, nonostante la crisi, i servizi alla persona, il sostegno al lavoro e alle imprese, la cura del territorio, la scuola e la ricerca. La Regione Emilia-Romagna – ha detto il capogruppo PD Stefano Caliandro, – è questo: un’istituzione che lavora perché nessuno resti solo, che non resta immobile e che non rinuncia a costruire processi di innovazione e cambiamento per innestare processi virtuosi e aiutare il territorio nel segno dell’equità”.

Rispondendo all’opposizione, Massimo Iotti (Pd) ha ricordato che “l’85% della spesa finanziaria complessiva è riservata alle aree di intervento rivolte alla salute e alla solidarietà”, rimarcando la “non variazione della leva fiscale” e la “capacità dell’Emilia-Romagna nella gestione della spesa”, anche “attraverso il recupero dell’evasione fiscale”. Infine, ha sottolineato il fatto che “nel 2014 è stata accolta la maggior parte delle domande rivolte alla ricerca industriale, a sostegno delle piccole e medie imprese”. “Un bilancio sostenibile – ha concluso – che va nella direzione dello sviluppo”.

“Il rendiconto generale – ha ricordato in conclusione al dibattito generale l’assessore al Bilancio, buy prozac online canadian pharmacy sandoz australia viagra online no prescription canada uk 10 mg en espanol. increasing prozac from 40 mg to 60 mg Emma Petitti ceftin ear ringing order ceftin – è stato sottoposto al giudizio di parificazione della Corte dei conti, il procedimento conclusivo del ciclo annuale dei controlli su legittimità, affidabilità e regolarità dei bilanci pubblici, con un esito complessivamente positivo”. Un giudizio, ha sottolineato, che “ha interessato diversi ambiti, primo fra tutti il rispetto del pareggio e degli equilibri di bilancio e dei vincoli del Patto di stabilità interno, così come il rispetto del limite d’indebitamento, con 54,33 milioni di euro in meno rispetto al 2013”. Dal punto di vista della gestione, “è stato riconosciuto anche il rispetto dei tempi medi di pagamento delle fatture a favore di imprese per forniture e lavori, in media 28,2 giorni”. Inoltre, “sono diminuite sensibilmente le partecipazioni regionali”. L’assessore ha anche esposto i contenuti di un emendamento tecnico, da lei stessa presentato, che “fornisce dimostrazione del risultato di amministrazione, prospetto che individua 1.494.732.509 euro di debito autorizzato e non contratto, un miglioramento rilevato pari a 99.538.727 euro”. Emendamento approvato con voto favorevole di Pd e Sel, astenuti Ln, M5s e Fdi.

 

 

fast u.s. express prednisone delivery. buy prednisone valtrex dosage sores buy valtrex valacyclovir what is valtrex used … 20 mg . prednisone is used for treating severe allergies, arthritis, asthma, multiple sclerosis, and skin  11794062_496130520554616_6253388045521609373_o