Energia necessaria per l’ambiente
E’ online il documento dell’Osservatorio regionale energia di Arpae

“In Emilia-Romagna sta crescendo velocemente il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili (FER), che alimentano diversi impianti distribuiti sul territorio: idroelettrici, solari, eolici, geotermici ed a biomassa”. Così si legge nel Rapporto Energia Emilia-Romagna (pdf, 6.75 MB), realizzato dall’Osservatorio regionale Energia di Arpae Emilia-Romagna.
Il documento si apre illustrando il quadro generale di bilanci energetici, impianti e infrastrutture di produzione, trasporto e stoccaggio d’energia, quindi propone un excursus sull’utilizzo delle FER a partire dal secolo scorso.Secondo il documento, i dati relativi al consumo energetico da fonti rinnovabili sono stati monitorati in modo sistematico dall’anno 2012. L’incidenza delle FER sui consumi energetici è progressivamente aumentata, fino a coprire l’10% dei consumi finali di energia nel 2017. Il Rapporto riprende e verifica gli obiettivi del  Piano Energetico Regionale – Per, approvato dall’Assemblea legislativa nel Marzo 2017, che “fissa la strategia e gli obiettivi della Regione Emilia-Romagna per clima e energia fino al 2030 in materia di rafforzamento dell’economia verde, di risparmio ed efficienza energetica, di sviluppo di energie rinnovabili, di interventi su trasporti, ricerca, innovazione e formazione”. Insomma se il Nord padano consuma circa il 57% dell’energia impiegata in Italia e noi, in Emilia-Romagna, il 10% è necessario insistere nel cambiare le fonti. Puntare sulle rinnovabili sembrava un’utopia da sognatori, è oggi una stringente necessità, intanto per avere energia e poi per interrompere ed invertire il consumo delle fonti fossili e contrastare il cambiamento climatico. Avanti, dunque, con le rinnovabili. Sarà uno dei temi centrali quando si dovrà far ripartire il Paese fermo per a crisi del Coronavirus.

 

Segui il link per scaricare il rapporto Arpae…

http://energia.regione.emilia-romagna.it/notizie/notizie-home/2020/rapporto-energia-emilia-romagna-in-crescita-il-ruolo-delle-rinnovabili