2 agosto

DUE AGOSTO, NON SI METTA IN DISCUSSIONE LA VERITÀ PROCESSUALE

«Sono indignato e amareggiato per le parole pronunciate oggi da Gilberto Cavallini nei confronti dei familiari delle vittime della strage del 2 agosto alla stazione di Bologna, perché offendono la memoria delle 85 vittime della bomba – afferma il capogruppo Pd all’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna Stefano Caliandro – credo che chi da quasi 40 anni attende che sia fatta piena luce su una delle pagine più inquietanti della nostra storia repubblicana meriti più rispetto. Inoltre – aggiunge Caliandro – quando l’ex Nar parla di patto tra avvocati, Procura e Partito comunista per attribuire la responsabilità della strage al terrorismo di estrema destra e afferma di credere alla “pista palestinese”, appare più che evidente il tentativo di rimescolare le carte anche su quella parte di verità già stabilita dai processi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *